Opportunità di incontri gay sicuri nelle aree rurali

This post is also available in: English Français Português Español Deutsch

Opportunità di incontri gay sicuri nelle aree rurali

Può essere impegnativo trovare opportunità di incontri gay sicuri nelle aree rurali.

Hai bisogno di molto coraggio per esprimerti come persona gay nelle aree rurali.

MSM usa gli incontri online e i social media per diffondere l’educazione alla salute sessuale.

Un sondaggio indica che migliaia di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali vivono nelle aree rurali degli Stati Uniti.

In questo studio, i ricercatori stimano che circa il 2,9-3,8 % dei 62 milioni di persone che vivono nelle zone rurali si identificano come LGBT.

I dati mostrano anche quante persone si identificano come lesbiche, gay, bisessuali e transgender in ogni stato.

I ricercatori hanno scoperto che il 20% della popolazione LGBT negli Stati Uniti vive in zone prevalentemente rurali.

La maggior parte delle persone nelle comunità apprezza le stesse cose e partecipa agli stessi gruppi comuni.

Il rapporto è cruciale e necessario per gettare le basi per un futuro più luminoso per le persone che si identificano come transgender.

I risultati di questo studio gettano una luce preziosa sulla discriminazione vissuta dalle persone LGBT nelle aree rurali.

Secondo New York: Human Sciences Press, la comunità LGBT non è inavvertitamente nascosta nelle zone rurali.

Andrew Ross Sorkin del New York Times lo ha riportato durante le vacanze.

In una piccola città, qualcuno che si identifica come gay spesso trova difficile stare con un uomo perché si sente diverso.

La ruralità e la comunità LGBT

La ruralità e la comunità LGBT

Il paesaggio rurale ha fornito innumerevoli significati e funzioni per gli individui e le comunità LGBT nel corso della storia.

Può essere un ambiente oppressivo, dalle organizzazioni politiche ai luoghi dove gli individui LGBT sono perseguitati e abusati.

Il discorso Anti-LGBTQ che spesso menziona la protezione dei valori rurali suggerisce anche che le comunità rurali danno valore all’alta morale tradizionale sopra ogni cosa.

Le persone in ambienti rurali hanno meno tolleranza per le differenze rispetto alle persone in ambienti urbani (comprese le identità di genere non binarie e le sessualità transgender).

Alcune persone transgender incontrano antagonismo, oppressione e violenza nelle zone rurali, come gli stereotipi sull’essere transgender in una comunità rurale.

Secondo il Censimento, 46 milioni di persone vivono in aree con una densità di popolazione di 999 persone per miglio quadrato o meno.

La popolazione rurale è unica perché ha un’alta densità di popolazione e dimensioni moderate.

Ci sono molte aree geografiche in cui esiste questo fenomeno.

Tuttavia, le popolazioni rurali differiscono l’una dall’altra, tranne che non sono considerate urbane.

La vita rurale dà alle persone che si autoidentificano dalle aree rurali esperienze multiple e varie.

Le persone lesbiche e gay rurali sono ritratte come intrinsecamente incompatibili con gli eterosessuali rurali per molte ragioni.

Il contrasto tra ambienti rurali e urbani può essere accurato.

All’interno di queste due categorie, ci sono ancora variazioni significative, a seconda della densità della popolazione.

Nel suo terzo romanzo, The Fancy Dancer, Patricia Nell Warren approfondisce la vita gay e lesbica in un’enclave gay.

La sua rappresentazione di un prete gay è impressionante.

La dicotomia rurale/urbana e la politica di visibilità negli Stati Uniti

è tutta una politica di visibilità

Stonewall è tutta una politica di visibilità.

Rendendo i propri transgender visibili, “là fuori”, gli individui affermano di resistere alla normalità etero e di cancellare i loro comportamenti e identità sessuali non etero.

È impegnativo vivere nelle aree rurali.

Considerando la natura fisica della vita rurale e il fatto che il movimento LGBT e la teoria transgender sono relativamente nuovi.

Nelle parole di Zain Verjee Jafarrette, l’emarginazione rurale è diventata un contesto endemico ostile e politicamente intossicante.

La città è costituita da reti di persone che sviluppano un senso condiviso di identità.

Studi e ricerche sul campo da parte di studiosi moderni mostrano che la vita transgender nelle aree rurali è più impegnativa della vita transgender non urbana.

E la ricerca sui modelli di migrazione tra aree urbane e rurali sfida anche la prospettiva binaria di entrambe le categorie.

Gli autori di Come Out and Come Back:

Gli individui si muovono tra l’ambiente rurale e quello urbano in base a come trovano che ogni spazio influenzi o limiti la loro identità.

Gli studiosi regionali transgender sostengono che le politiche di visibilità negli Stati Uniti escludono gli individui e le comunità LGBTQIA+ nelle aree rurali.

Una dichiarazione pubblica di identità transgender è un requisito per manifestare la Transgenderness nelle politiche pubbliche ed è una chiave per la libertà e l’uguaglianza transgender.

Gli studenti del Sud e del Midwest hanno messo in discussione l’idea che la vita rurale sia intrinsecamente ostile ai transgender.

Coming Out and Coming Back:

Le ricercatrici Meredith Redlin e Alexis Anne’s sostengono che “il flusso urbano e rurale è circolare e non a senso unico.

È uno spazio per comunità transgender aperte.

Pur essendo anche uno spazio per individui LGBTQ isolati e “chiusi”.

Lo stile di vita di una regina di campagna

A Rural Queen's Lifestyle

Le persone nelle zone rurali vedono l’eterosessualità come essenziale.

Per le donne che vivono nelle zone rurali, la rappresentazione di genere è prevalentemente maschile.

Nelle comunità rurali, gli uomini gay rifiutano la femminilità e svolgono ruoli maschili.

Le comunità urbane e suburbane sono anche più accettanti nei confronti della Transgenderness.

Le aree urbane tendono ad avere più coppie gay perché la vita gay è spesso più accettabile.

Intorno agli anni ’70, le donne rurali hanno iniziato a trasferirsi nelle comunità agricole per vivere e lavorare tra altre donne rurali.

Il razzismo durante gli anni ’60 ritraeva gli afroamericani come devianti sessuali.

Negli anni ’60, i sostenitori della giustizia razziale che stereotipavano gli immigrati transgender come pervertiti della loro sessualità hanno portato a una diminuzione della migrazione transgender.

La rappresentazione di genere nelle aree rurali è diversa da quella delle aree urbane.

Molte donne rurali lavorano nell’edilizia o nell’agricoltura accanto agli uomini.

Le possibilità di trovare accettazione sono anche maggiori per le persone con un reddito più alto o un’istruzione superiore.

Anche se molti agenti di polizia in queste aree sono rispettosi della legge, commettono ancora crimini contro le persone sessualmente emarginate.

Nelle comunità rurali, promuovono lo spirito libero e abbracciano la sessualità, dicono.

Nelle zone rurali, le donne hanno sviluppato comunità dove coltivano il loro cibo e creano società separate dagli uomini.

La gente va nelle zone rurali per nascondersi e sperimentare sessualmente.

Se un uomo gay aderisce a comportamenti e rappresentazioni maschili, l’accettazione durerà molto più a lungo in molti luoghi.

Le piccole comunità rurali sono generalmente consapevoli sia dei perpetratori che delle vittime.

Alcune persone con un reddito più basso non possono permettersi di trasferirsi in città, creando un pregiudizio di classe a favore dei benestanti.

Luoghi privati per incontrarsi sono possibili lungo i bordi delle strade e nelle aree di sosta.

Un certo sessismo nelle zone rurali porta con sé una certa dose di crudezza.

Agricoltori transgender nelle aree rurali

Per gli agricoltori transgender, la tendenza è quella di vivere una vita più tradizionale con una casa o una fattoria.

Il documentario Out Here racconta la storia di molte persone transgender nelle zone rurali degli Stati Uniti.

Illustra come molte persone Transgender contribuiscono alle loro comunità attraverso l’agricoltura.

Aggiornamento: Il creatore del documentario ha anche scritto diverse biografie di agricoltori transgender.

Diversi agricoltori si sono specializzati nell’allevamento di bestiame o nel giardinaggio della comunità urbana o forse in agricoltori no-profit.

Alcuni agricoltori mi hanno detto che vedono l’agricoltura come un luogo dove la sperimentazione è libera e dove le persone transgender si inseriscono naturalmente.

Offrono uno spaccato della discriminazione che affrontano come agricoltori, a partire dall’isolamento sociale dalla minaccia dei funghi della terra.

Una hotline per gli agricoltori gay è stata istituita in Inghilterra per aiutare gli agricoltori ad affrontare la discriminazione e fornire supporto emotivo.

Molte famiglie transgender chiuse possono essere costrette ad abbandonare l’attività dalle loro comunità.

Possono perdere i loro mezzi di sostentamento e i loro legami con le comunità locali.

I movimenti ambientalisti mirano ad aumentare la consapevolezza della natura e l’intersezione della sessualità.

La dinamica generale della vita rurale rende le persone che vogliono essere meno a loro agio, principalmente uomini bianchi della classe media.

Molti agricoltori transgender hanno scelto di coltivare cibo in ambienti urbani per essere agricoltori pur mantenendo il loro stile di vita transgender.

Attivismo politico rurale transgender negli USA

Attivismo politico rurale transgender negli USA

Gli attivisti transgender pensano che la riforma sia più difficile da ottenere nelle aree rurali con una minore tolleranza per gli stili di vita transgender.

Le aree rurali mancano di attivismo politico, motivo per cui molti americani pensano che le persone esistano solo nelle aree urbane.

La mancanza di visibilità e di attenzione politica ha lasciato le persone vulnerabili alla discriminazione istituzionale.

A differenza della popolazione eterosessuale, hanno un accesso ridotto all’alloggio e all’assistenza sanitaria e una discriminazione sul posto di lavoro!

Le statistiche del censimento degli Stati Uniti hanno mostrato che il Sud Dakota ha il secondo più alto tasso di disuguaglianza del paese.

Solo il 29% delle coppie omosessuali nelle zone rurali guadagna più dell’84% delle coppie eterosessuali sposate.

La Corte Suprema dell’Iowa respinge la difesa della “legge sul matrimonio” dello stato, rendendolo uno dei primi stati a permettere i matrimoni omosessuali.

Bene, il candidato democratico presidenziale del Kansas Paul Davis ha votato contro il divieto costituzionale del matrimonio omosessuale per tre volte.

Essere transgender può significare più discriminazione e isolamento nelle zone rurali.

Molti autori dicono che i nuovi media digitali hanno creato più opzioni politiche eccellenti per le persone transgender rurali.

Le persone transgender nelle zone rurali possono partecipare alla più grande comunità transgender attraverso i social media.

Questo dà loro accesso alla terminologia di cui hanno bisogno per esprimere e comprendere la loro esperienza.

Le comunità transgender sono meno visibili nelle aree rurali che in quelle urbane

Nelle aree rurali, le comunità transgender sono meno visibili che nelle aree urbane.

I dati del censimento mostrano che il 66% degli abitanti del Sud Dakotans che vivono in famiglie dello stesso sesso vivono fuori dall’area urbana!

Le popolazioni rurali transgender sono spesso trascurate dalle leggi agrarie, lasciandole senza la protezione legale di cui hanno bisogno.

Nelle zone rurali, molti politici sono riluttanti a sostenere il matrimonio tra persone dello stesso sesso per paura delle conseguenze politiche.

I distretti liberali/urbani offrono ai funzionari pubblici un terreno politicamente sicuro per prendere posizioni impopolari nelle aree rurali.

L’uso dei nuovi media può servire come un prezioso strumento politico per gli individui transgender rurali.

È più difficile mobilitare le comunità rurali dove la popolazione è meno densa e i fondi sono limitati.

Durante una disputa sulla custodia, una madre ha ceduto i suoi diritti di genitore a una badante transgender.

Il paese ha visto un cambiamento nell’opinione pubblica nazionale verso le questioni transgender negli ultimi anni.

Negli ultimi anni, l’opinione pubblica è cambiata in modo schiacciante.

Un giudice ha fatto notare che due donne apertamente gay che vivono in quella piccola città con un bambino potrebbero avere qualche stigma legato.

Il tribunale si è pronunciato contro la richiesta di adozione della madre biologica, dicendo che non era nell’interesse del bambino.

Non c’erano giudici della Corte Suprema o della Corte d’Appello inclusi nel ballottaggio del 2012.

Gli elettori dell’Iowa hanno votato per mantenere due giudici. La prima volta in oltre cinquant’anni.

Quattro uomini gay vivono fuori dalla griglia nelle zone rurali

I gay vivono fuori dalla griglia nelle zone rurali

Quattro membri dello stesso orientamento sessuale vivono fuori dalla griglia in zone rurali.

Alcuni giovani gay potrebbero trasferirsi a Londra dalla campagna del Regno Unito prima o poi.

Hanno paura di lasciarsi alle spalle le loro vecchie vite e di abbracciare completamente chi sono per paura del rifiuto dei loro amici.

La vita delle persone LGBTQ e di altri gruppi minoritari nel paese è generalmente più difficile nelle aree rurali che in quelle urbane.

Nelle aree rurali, non ci sono abbastanza persone che possono parlare a favore della comunità LGBTQ.

Per coloro che hanno una mente aperta, questa situazione può sembrare una tragedia.

Secondo l’Ufficio Nazionale di Statistica, c’è meno del 2% di lesbiche, gay e bisessuali in Inghilterra e Galles.

La percentuale è del 2,8%, mentre a Londra è dell’1,4% e in altre parti del paese scende all’1,2%.

Molte persone non hanno accesso al trasporto pubblico o ai servizi di salute mentale nelle aree rurali o urbane, gay o etero.

Le persone con questo problema tendono a cercare gli altri a causa della solitudine e dell’isolamento.

Le persone LGBTQ sono regolarmente mostrate nei film e in televisione.

I punti di vista rurali e agricoli sono però rari.

Gli attori Josh O’Connor e Alec Secareanu in God’s Country

La comunità transgender sta cercando di integrarsi nelle comunità rurali.

L’anno scorso il National Trust, un proprietario terriero globale, ha celebrato il proprio patrimonio lesbico e gay partecipando a un evento di orgoglio mondiale.

Come abbiamo detto prima, i gruppi comunitari cercano di raggiungere persone di tutti i generi e identità sessuali.

Agrespect racconta storie di persone LGBT+ che cercano di integrarsi nell’industria agricola e ha trovato grande successo nel superare i pregiudizi del settore!

James, 38.

James e Matt condividono le loro storie di coming out.

James ha fatto coming out a 33 anni; Matt a 21.

Matt l’ha detto ai suoi genitori a 21 anni e loro l’hanno accettato; James aveva 33 anni quando ha fatto coming out con amici e familiari.

I due uomini gestiscono le loro fattorie nella campagna inglese e si sostengono a vicenda.

Mentre crescevo e sentivo battute sui gay, mi sentivo sempre più a disagio nell’essere gay.

Ho avuto molti problemi familiari da affrontare quando mi sono sposato e ho avuto i miei figli.

La mia infanzia è stata relativamente tranquilla, anche se a volte mi sentivo solo.

Matt ha impiegato sette anni per dichiararsi ai suoi genitori e altri sette per dirlo ai suoi amici.

Le due figlie di Mc Elroy sanno tutto del suo stile di vita, e lo approvano ancora.

I genitori gay e lesbiche non dovrebbero essere separati dai loro figli.

“Non è difficile essere gay e vivere in campagna.

Internet fa sì che tu possa incontrare rapidamente altre persone gay e divertirti”, dice McElroy.

“Attualmente ho una relazione con un ragazzo fantastico, e stiamo molto bene insieme”, dice del suo nuovo partner.

“Mi trovo più preoccupato per il futuro di mio figlio che per il mio”, dice McElroy della sua storia di coming out.

Entrambi siamo molto diversi dai tipici uomini gay che abbiamo incontrato.

Non abbiamo mai sentito il bisogno di unirci alla comunità LGBTQ+.

Richard ha 45 anni.

Quando ero giovane, sapevo di essere gay.

Dopo essermi diplomato al liceo, ho chiesto aiuto a mia madre, che mi ha sostenuto.

Mi è stato consigliato di non dire nulla alla mia famiglia per paura di creare una pressione tra pari contro di loro.

A 16 anni ho lasciato il mio paese e due mesi dopo mi sono trasferito a Londra per vivere in una piccola casa.

Crescendo, sono diventato più gay e mi sono alienato dai miei amici perché non mi sentivo “adatto” ad essere altro che me stesso.

Penso che la mia vita sarebbe stata molto meno stravagante, ma sarei stato molto più determinato.

La Stody Estate si trova a Norfolk, una città delle isole britanniche, nella sua parte meridionale.

Ho deciso che era meglio per la mia carriera e la mia vita personale perché ora vivo in un luogo diverso e più conveniente.

Tornare a vivere in campagna è stato un modo per passare un po’ di tempo con la natura e conoscere il mondo.

Sono un membro della comunità gay di Norwich.

Nel maggio 2017, siamo andati al Gay Estate, noto anche come Farm and Gay Estate, per discutere del matrimonio gay.

Avevo intenzione di organizzare un grande evento che coinvolgesse le persone LGBT della città, ma non è successo.

L’anno scorso abbiamo anche organizzato il primo Stormy Rainbow Garden Party come esempio.

Sono rimasto colpito da quanto sostegno abbiamo ricevuto dalla comunità locale.

È stato molto stimolante vedere un gruppo di persone così diverse a questo evento.

Drake ha 49 anni

Ho 49 anni e il mio compagno ne ha 29.

Siamo in una comunità rurale e viviamo nel cuore di un piccolo insediamento agricolo.

Il nostro cortile è ricco di frutta e verdura, e io sono uno chef e un panettiere con un’attività biologica.

Sono anche consigliere e volontaria per diverse organizzazioni sanitarie, e sono molto attiva in molti eventi importanti.

Sono cresciuto in una località semi-rurale, ma mi sono trasferito quando avevo 18 anni, dove ho vissuto per il resto della mia vita.

È stata più una crisi di fede che una questione di geografia.

Ho frequentato l’Università di Londra, poi ho viaggiato in Europa, poi negli Stati Uniti.

Più tardi, ho capito che volevo vivere in posti con aria pulita, coltivare cibo e condurre una vita felice.

Viviamo in una comunità molto dinamica e creativa di persone diverse che affrontano molte sfide, tra cui io e altri.

La più grande sfida per una persona LGBTQ è incontrare altre persone che capiscano, tollerino ed entrino in empatia con ciò che significa essere LGBTQ.

Sento che siamo tutti collegati a qualcosa in questo villaggio.

Abbiamo avuto incontri da sottili a moderatamente omofobi qui, ma nessuno troppo grave.

Sono spesso triste e mi manca la comunità LGBTQ.

Non ci piace passare in macchina dopo mezzanotte.

La maggior parte delle persone LGBTQ che conosciamo sono coppie o persone molto impegnate che ci sono già passate.

Non credo che sia facile avere figli piccoli o essere un genitore single.

Stigma vissuta dagli uomini gay e bisessuali nell’Oklahoma rurale

Stigma vissuta dagli uomini gay e bisessuali nell'Oklahoma rurale

In Oklahoma e in altre parti rurali degli Stati Uniti, molte comunità gay e bisessuali stanno sperimentando una mancanza di accettazione.

C’è una mancanza di ricerca sulle esperienze degli uomini che fanno sesso con gli uomini nelle zone rurali.

La mancanza di accettazione tra le persone nelle zone rurali a volte porta all’intolleranza verso le persone apertamente LGBTQ.

Le comunità povere e della classe operaia non gradiscono questi cambiamenti alle regole perché la maggior parte di loro vive sotto la soglia di povertà.

Nelle zone rurali, l’HIV persiste e sembra diffondersi.

Molte persone sono nelle zone rurali senza assistenza sanitaria e risorse senza accesso ai servizi essenziali.

I contesti sociali delle comunità rurali e il contesto geografico e culturale rappresentano un rischio per le minoranze sessuali che vivono nelle zone rurali.

La discriminazione contro le minoranze sessuali può danneggiare la salute di questi gruppi e la salute delle comunità che servono.

Fattori sociali come le norme sociali, i cambiamenti culturali e le pratiche istituzionali influenzano le possibilità di successo delle persone sul posto di lavoro.

Con le condizioni croniche, lo stress si accumula e influisce negativamente su vari risultati di salute, portando al disimpegno dalle cure mediche e mentali.

C’è un certo grado di stigma sociale e di rifiuto della società verso coloro che si autoidentificano come uomini che fanno sesso con altri uomini.

Nel complesso, permettere alle comunità rurali di partecipare ai programmi di salute pubblica può aiutare ogni area della nazione.

L’Oklahoma è come altri cinque stati e più urbano degli altri.

Questi stati rurali costituiscono circa il 20,6% della popolazione totale degli Stati Uniti a gennaio 2017.

Il suo impatto sulle aree rurali è meno compreso di quello delle aree urbane.

Impostazione rurale: Salute mentale e resilienza

Gli uomini più giovani in ambienti urbani e gli uomini più anziani in ambienti rurali differiscono in salute mentale e resilienza.

Le piccole comunità gay delle zone rurali dell’Australia affrontano un pericolo maggiore di malattia mentale e di perdita di autosufficienza.

È essenziale prestare attenzione ai programmi sanitari che si occupano della salute mentale e del trattamento delle dipendenze.

Perché gli incontri gay sono il termine più ricercato nelle aree rurali?

Nelle aree rurali, l’uso di Internet sui siti di incontri è diventato più prevalente.

C’è una tendenza attuale nelle zone rurali di tutto il Regno Unito ad usare il termine “Incontri Gay” per riferirsi agli incontri online.

In base alla nostra ricerca, le persone nelle zone rurali e scarsamente popolate cercano gay e lesbiche più della media nazionale.

L’anno scorso, un milione di persone si sono identificate come gay, secondo i dati dell’ONS.

Il LGBT Community Center è un’organizzazione dedicata a tracciare il livello di accettazione della comunità LGBT negli Stati Uniti.

Circa il 2% della popolazione appartiene a questo gruppo.

Quando si tratta di appuntamenti (nella vita reale), gli eterosessuali sono molto più propensi a provare a uscire con qualcuno rispetto alle persone transgender.

Gay Communities Can Be Toxic

Le comunità gay possono essere tossiche

Costruire una comunità LGBTQ+ può essere incredibilmente difficile in una società socialmente conservatrice.

Quando le persone vedono incontri online tra persone dello stesso sesso o gay e lesbiche, la maggior parte delle persone lo cercano.

Ci sono diverse grandi città negli Stati Uniti con centri LGBT – NYC, Philadelphia, San Francisco, Chicago, ecc.

Non c’è bisogno di un migliore amico o di un appuntamento per divertirsi.

Un uomo gay che vive in una zona rurale non può aspettarsi di incontrare persone gay e bi nei bar e nei club.

È diventato difficile per un uomo gay incontrare altri gay e bisessuali che vivono in zone rurali o in piccole città.

I gay possono sentirsi più sicuri nel comunicare tra loro online rispetto al passato.

Di conseguenza, possono avere una maggiore possibilità di avere relazioni online rispetto a quelli che non lo fanno.

Molti gay preferiscono rimanere anonimi.

Forse perché sono isolati o perché hanno trovato altri gay che non possono essere gay.

Comunità LGBTQ+ che lavora nell’agricoltura

Nell’industria agricola lavorano persone LGBTQ.

Agrespect è un’organizzazione che fornisce esperienza e dialogo tra i lavoratori agricoli di tutti i tipi, compresa la comunità LGBTQ+.

Diverse grandi aziende e organizzazioni hanno sostenuto l’iniziativa.

Le persone gay e transgender tendono a vivere nelle zone rurali degli Stati Uniti.

Il numero di persone LGBT negli Stati Uniti è stimato tra 4,6 e 6,8 milioni (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender).

Le persone che vivono nelle comunità rurali sono gay o lesbiche.

Essere LGBT non significa che si vorrà presto vivere sulla spiaggia.

Il rapporto mostra che le persone LGBTQ sono spesso attratte da comunità affiatate e possono usarle per mantenere legami sociali a lungo termine con i membri della famiglia.

Persone LGBTQ esposte alla discriminazione

Le circostanze di discriminazione sono così mature che scivolano attraverso le crepe.

La mancanza di supporto rende più difficile per le persone rurali e LGBTQ trovare lavoro negli Stati Uniti.

Le persone nelle aree rurali, dove la popolazione LGBT è sproporzionatamente asiatica, hanno meno supporto per le questioni e le politiche LGBT.

In generale, le leggi sulla non discriminazione nelle aree rurali sono molto meno severe di quelle delle aree urbane.

Chiunque può fare questi cambiamenti nella propria vita quotidiana.

Le persone transgender riportano il 34% di discriminazione sui trasporti pubblici, e il 17% dice che un atto o un cartello anti-trans viola la loro identità di genere.

Le persone che vivono nelle zone rurali possono avere difficoltà a raccogliere il cibo di cui hanno bisogno.

In confronto, le persone che vivono nelle aree urbane non hanno la stessa sfera sociale delle persone che vivono in zone povere.

Lo studio nota che può essere difficile per le persone LGBTQ lavorare nelle zone rurali a causa della forte discriminazione nei loro confronti.

Quando le persone sperimentano la discriminazione al lavoro, a scuola o negli studi medici, ci sono altri posti dove ottenere più assistenza.

Le aree rurali non hanno accesso a risorse mirate ai cittadini LGBTQ.

Il 73% degli adulti LGBTQ vive entro un raggio di 1 miglio dal centro sanitario, secondo il Center for LGBTQ Equality.

La comunità locale era solo l’11 per cento della stessa dimensione del resto della regione, ma era ancora relativamente piccola.

Solo il 10 per cento degli adulti LGBTQ rurali ha accesso ai servizi LGBTQ per anziani, secondo il Center for LGBTQ Equality.

La tradizione rurale piaceva a una parte, mentre la tendenza urbana piaceva all’altra.

I giovani LGBTQ hanno più probabilità di essere urbani che rurali.

Riferimenti

Altman, D. (1982). The gayization of America. New York: St. Martin’s Press. Google Scholar.

Bell, A. P., & Weinberg, M. S. (1978). Gayities: A study of diversity among men and women. New York: Simon & Schuster. Google Scholar.

Bell, A. P., Weinberg, M. S., & Hammersmith, S. K. (1981). Sexual preference: Its development in men and women. Bloomington: Indiana University Press. Google Scholar.

Berger, R. M. (1982). Gay and gray: The older gay man. Urbana: University of Illinois Press Google Scholar.

Kirkpatrick, M., Smith, C., & Roy, R. (1981). Lesbian mothers and their children: A comparative study. American Journal of Orthopsychiatry, 51, 545–551 Google Scholar.

Kreiger, S. (1983). The mirror dances. Philadelphia: Temple University Press. Google Scholar.

Laner, M. R. (1979). Growing older female: Heterosexual and gay. Journal of Gay, 4, 267–275. Google Scholar.

Lerner, R. (1984). On the nature of human plasticity. Cambridge: Cambridge University Press Google Scholar.

Levine, M. P. (Ed.). (1979). Gay men: The sociology of male gay. New York: Harper & Row Google Scholar.

Ross, M. W. (1983). The married gay man: A psychological study. London: Routledge & Kegan Paul Google Scholar.

Silverstein, C. (1981). Man to man: Gay couples in America. New York: Morrow Google Scholar.

Tanner, D. (1978). The lesbian couple. Lexington, MA: D. C. Heath Google Scholar.

Task Panel on Rural Mental Health. (1978). Report of Task Panel on Rural Mental Health. In President’s Commission on Mental Health (1978), report to the President (Vol. 3). Washington, DC: U.S. Government Printing Office Google Scholar.

Weinberg, M. S., & Williams, C. H. (1974). Male gays: Their problems and adaptations. New York: Oxford University Press. Google Scholar.

Weinberg, T. S. (1983). Gay men, gay selves: The social construction of gay identities. New York: Irvington Google Scholar.

Lascia un commento